home > notizie > piccoli, grandi sommelier

Piccoli, grandi sommelier

di Ilaria Santomanco - 15 marzo 2011 © AisLombardia.It RIPRODUZIONE RISERVATA

Un grande evento, splendidamente organizzato, ha animato il castello di San Salvatore di Susegana (TV) sabato 12 marzo, facendo accorrere oltre 1500 persone da ogni parte d’Italia.

Ottavio VendittoIn apertura di giornata, il Convegno “L’ambiente nel bicchiere”, per porre l’accento su quanto sia possibile fare in tema di sostenibilità ambientale. Un tema che tocca da vicino il sommelier, a cui oggi è richiesta una preparazione sempre più ampia sul tema della biodiversità, sull’evoluzione dei tappi, sul contenuto di una bottiglia, ma anche sul contenitore. Nel corso dell’intera giornata, in assaggio 300 tra i migliori vini della regione, tre per ogni azienda selezionati dalle commissioni di Degustatori Professionisti di AIS Veneto, accompagnati da alcune specialità gastronomiche tipiche. Occhi puntati e grande partecipazione al concorso per nominare il Miglior Sommelier del Veneto 2011. Alle semifinali del mattino sono presenti 18 agguerriti e preparati sommelier. Dopo un’attesa carica di emozione, Ivano Antonini, campione italiano nel 2008, legge i numeri corrispondenti alle sei persone che si disputeranno la finale, tre per la categoria non professionisti, tre scelti fra i sommelier professionisti. Fiato sospeso e applausi di incoraggiamento accompagnano l’intero svolgimento delle prove, che vede impegnati tra i primi Andrea Beda, Nicola Braggion, Paolo Pivato, mentre i sommelier professionisti rimasti in gara sono Silvia Brunello, Giovanni Niero e Ottavio Venditto. Alla fine, salgono sul podio dei vincitori Paolo Pivato, di professione magazziniere in un’azienda di pasta fresca, e Ottavio Venditto, giovane sommelier ma già molto preparato e pronto per sfide sempre più impegnative. Ai due vincitori, oltre alla gloria, spetta un gradito premio: Amorim Cork, azienda leader nella produzione di tappi in sughero, assegna ai due neoeletti un viaggio-studio in Portogallo, per conoscere da vicino il mondo del sughero, stappando al contempo intriganti bottiglie di Porto. A consegnare l’ambito premio è proprio Carlo Santos, Amministratore Delegato Amorim Cork Italia.

Un caloroso applauso giunga anche dalla Lombardia a tutti i concorrenti che, con competenza e professionalità, si sono cimentati nelle difficili prove.

Commenta la notizia

[0] Commenti

Inviaci il tuo commento su questo articolo e condividi il tuo punto di vista con tutti gli altri lettori.

Se ancora non l'hai fatto registrati oppure accedi inserendo la tua mail e la tua password.