Champagne: la dimensione artigianale

Champagne: la dimensione artigianale

Giovedì 10 giugno 2019, ore 20,30 nella Sala Kursaal del Palace Grand Hotel di Varese avremo il piacere e l’onore di ospitare il grande Samuel Cogliati che ci condurrà in un meraviglioso viaggio per i vigneti della Champagne.

INFORMAZIONI

Varese

Lunedì 10 Giugno 2019

Varese, Palace Grand Hotel, Via Manara Luciano, 11,

Costo Soci Ais 60 euro, non Soci 80 euro

Orario
dalle 20:30

Per informazioni
E-mail: serena.lattuada@aislombardia.it

La Champagne sono oltre 34mila ettari vitati nel nord-est della Francia e una fierezza smisurata per quest’origine unica e inimitabile. Paradigmaticamente, sono anche tre vitigni principali assemblati in proporzioni variabili, oltre a un metodo produttivo (la méthode champenoise ) divenuto leggendario, e dunque impostosi nel mondo intero come la soluzione per antonomasia nella produzione di un grande vino spumante. 

Questo “impero delle bollicine” da oltre 300 milioni di bottiglie l'anno è tradizionalmente appannaggio di grandi e potenti maison , che da più di due secoli propongono sul mercato marchi di notorietà planetaria.
Esiste tuttavia anche una Champagne alternativa e complementare alle logiche dei grandi numeri: è una produzione affidata essenzialmente a qualche migliaio di piccoli vignaioli, perlopiù récoltant-manipulant , che dànno un’interpretazione artigianale di questo spumante. Con l'obiettivo e l'auspicio di riavvicinarsi a una logica di terroir.

È un'idea di questa Champagne sempre più in voga che scopriremo assieme a Samuel Cogliati, uno dei più profondi conoscitori di questo vino e di questa regione.

In degustazione, 6 champagne selezionati dal relatore e serviti rigorosamente alla cieca.

Il relatore

Samuel Cogliati, italo-francese (Lione, 1976),è editore, scrittore e consulente indipendente nel mondo del vino. Dal 2003 si occupa anche regolarmente di didattica.
È il fondatore di Possibilia Editore ( www.possibiliaeditore.eu ) nonché l'editore-curatore della versione italiana del periodico francese LeRouge&LeBlanc , di cui è membro associato.
Tra i suoi libri spiccano le monografie dedicate proprio al re degli spumanti: “Champagne. L'immaginario e il reale” (2017), “Champagne. Vignaioli e vini” (2017), “Champagne. I vini fermi” (2018), “Champagne. Il sogno fragile” (2013, tradotto anche in francese), tutti usciti per Possibilia, oltre al suo lavoro di esordio “Champagne. Il sacrificio di un terroir” (Porthos Edizioni, 2008).

Per prenotazion i scrivere a serena.lattuada@aislombardia.it | teob90@live.it