Colle Bereto. Coltivare la bellezza

Colle Bereto. Coltivare la bellezza

La tenuta, biologica certificata, fiore all’occhiello nella produzione del Chianti Classico, sia in Italia che all’estero, pluripremiata non solo da AIS, comprende attualmente 60 ettari di cui 17 a vigneti principalmente fra Chianti Classico, Chianti Classico Riserva e Chianti Classico Gran Selezione ottenuti dal nobile vitigno sangiovese.

INFORMAZIONI

Lecco

Mercoledì 20 Marzo 2019

Garbagnate Monastero (LC), Hotel San Martino, Viale Europa, 4

Costo Soci Ais 30 euro | Accompagnatori 40 euro

Orario
dalle 21:00

Per informazioni
E-mail: eventi@aislecco.it

Il segreto del successo dell’azienda, ad ogni raccolto, è quello di porre la massima attenzione a quei dettagli che ancora hanno margine di miglioramento, consapevoli che un passo dopo l’altro si è fatto tanto ma c’è ancora molto su cui lavorare, guardando alla terra con il massimo rispetto.

Introduzione alla serata

Procedendo sulla strada che porta al centro di Radda in Chianti, passando per i dolci declivi collinari che il Chianti offre generosamente ai viaggiatori attenti ad armonie di vigneti ed ulivete, si arriva a Colle Bereto, un luogo magico che oltre trent’anni fa è riuscito ad affascinare la famiglia Pinzauti che lo ha scelto come posto ideale per cominciare la propria avventura vinicola.

Da quel momento questo incantevole Borgo - le cui origini risalgono all’XI secolo - è prosperato e cresciuto tornando a nuova vita, proponendo, da agricoltura biologica, pochi prodotti altamente selezionati dotati dei profumi e dell’autenticità del luogo.

Nei vigneti sono stati ripristinati i vecchi muretti a secco che costituivano le terrazze e le sistemazioni idrauliche di un tempo. Tutto questo per combattere l’erosione, per lasciare le radici della vite ben coperte e libere di vivere in profondità, questo è il segreto per trasmettere al vino quelle sostanze minerali uniche di Radda in Chianti.

Il terreno è quello classico chiantigiano, Galestro, Alberese e substrato roccioso. Caratteristiche ideali per varietà autoctone come Sangiovese e il canaiolo, ma che si sono rivelate perfette anche per Merlot e Pinot Nero.

Lavorare in questo modo aiuta la pianta a cercare quell’umidità sana che ne garantisce la sopravvivenza.
L’acqua è il bene più prezioso per l’umanità e quindi dobbiamo preservarla ed abbandonare l’idea di irrigare piante come la vite che non ne hanno bisogno. 

In apertura

Degustazione Olio extravergine d’oliva Colle Bereto

Vini in degustazione

  • Colle B Spumante Metodo Classico Brut rosè
  • Chianti Classico Colle Bereto 2016
  • Chianti Classico Colle Bereto Riserva 2014
  • Chianti Classico Colle Bereto Gran Selezione 2014
  • Il Cenno Pinot nero 2016
  • Il Cenno Selezione di famiglia 2015 Pinot nero vecchie viti

Conducono la serata

Bernardo Bianchi Responsabile dell’azienda, seguendo l’esempio del nonno, già a 11 anni decise di diventare un agronomo. Ama seguire la vigna e accompagnare l’uva nella sua crescita per poi vedere la sua trasformazione in cantina. E’ nato e cresciuto in Chianti, il vino l’ha sempre vissuto come una consuetudine, ha avuto la possibilità di appassionarsi al mondo del vino e restare nel territorio dove è cresciuto e che ama profondamente.

Francesco Albertini: 58 anni, milanese, docente universitario, sommelier dal 2003. Degustatore ufficiale AIS dal 2009 ha iniziato ad interessarsi al vino nel 1996 e, da allora, passione e curiosità non l’hanno mai abbandonato, portandolo ad acquisire una grande  competenza nella tecnica di degustazione. 

Informazioni e Prenotazioni

Per informazioni: rossella.ronzoni@aislombardia.it oppure eventi@aislecco.it

Prenotazioni: a mezzo bonifico bancario intestato a:

Delegazione AIS LECCO - IBAN: IT65X 05696 01612 00000 9620X74

Causale: Cognome e nome + Evento + data

Sede

Hotel San Martino

Viale Europa, 4 - Garbagnate Monastero (LC)

POSTI DISPONIBILI 40

Quota di partecipazione:

Soci AIS: 30 €

Accompagnatori Non Soci: 40 €

L'evento è riservato ai Soci AIS in regola con la quota associativa di AIS Nazionale e agli

accompagnatori non soci.

N.B.: La prenotazione è obbligatoria e impegnativa.