Il Moscato di Scanzo. La dialettica della fragranza

Il Moscato di Scanzo. La dialettica della fragranza

Tre mini-verticali di Moscato di Scanzo di tre aziende di riferimento di questa piccola DOCG lombarda. Insieme al sommelier Federico Bovarini confronteremo stili e potenziale di invecchiamento.

INFORMAZIONI

Milano

Lunedì 29 Novembre 2021

Milano, Hotel The Westin Palace Piazza della Repubblica 20

Costo 50 euro

Orario
dalle 21:00

È certamente uno dei vini dai tratti più unici e inimitabili tra quelli presenti non solo all’interno del panorama enoico lombardo, quanto italiano. Un’originalità che ben conoscevano due personaggi del calibro di Luigi Veronelli e dell’avvocato Paolo Bendinelli, tra i principali artefici della conquista della prima DOC nel 2002.

Il Moscato di Scanzo, come i sommelier ben sanno, è spesso ricordato come la DOCG più piccola: una vera e piccola perla che ha ottenuto questo ambito riconoscimento nel 2009 e che è stato possibile utilizzare a partire dal millesimo 2007.

Vi sono solo 31 ettari all’interno della denominazione, che si snodano lungo la dorsale dei colli di Scanzorosciate da ovest ad est, posizionati tra i 300 e i 500 metri sul livello del mare e caratterizzati da una formazione calcareo-marnosa molto particolare che prende il nome di “Sass de Luna”. 

Ma non esiste un solo Moscato di Scanzo: microzone differenti regalano espressioni altrettanto diverse a questo nettare che si ottiene dall’appassimento dell’uva  moscato di Scanzo, varietà a bacca rossa il cui legame con queste terre si perde nella notte dei tempi.  

Durante la serata ci confronteremo con tre mini-verticali di Moscato di Scanzo davvero uniche, appartenenti ad aziende che hanno vigneti nella zona di Scanzo, sopra il monte Bastia e nel cuore e alle pendici della collina di Rosciate. Obiettivo: capire l’espressione di ogni singolo territorio e il potenziale di invecchiamento.

I vini in degustazione

Moscato di Scanzo DOCG 2017, 2015 e 2013 - Azienda Agricola Biava
Moscato di Scanzo DOCG 2017, 2015 e 2013 - Azienda De Toma
Moscato di Scanzo DOCG 2017, 2015 e 2013 - Azienda Agricola Magri Sereno 

Conduce la serata

Federico Bovarini, classe 1992, è sommelier, degustatore AIS e grande conoscitore dei vini della provincia di Bergamo. Dopo aver conseguito il diploma di Master Sommelier ad Alma nel 2018 con una tesi sulla zonazione del Moscato di Scanzo, nel 2020 si è classificato al terzo posto al concorso di Miglior Sommelier della Lombardia. Dopo svariate esperienze nel mondo della ristorazione stellata, oggi conduce un’attività di vendita e di consulenza nel mondo del vino. Dal 2021 è Ambasciatore del Moscato di Scanzo.

L’evento è riservato ai Soci AIS in regola con la quota associativa di AIS Nazionale 2021 e in possesso di green pass e mascherina.