Nizza DOCG. Viaggio attraverso la mappa dei suoli

Nizza DOCG. Viaggio attraverso la mappa dei suoli

Insieme a Francesco Ferrari e Stefano Chiarlo, presidente dell'Associazione Produttori del Nizza, una serata per conoscere e approfondire le peculiarità della Barbera che nasce in questo angolo del Monferrato.

ACQUISTA

POSTI DISPONIBILI

Per effettuare l'acquisto è necessaria la registrazione al sito AisLombardia.It
Se ancora non l'hai fatto puoi registrati cliccando qui oppure accedi al tuo account cliccando qui

INFORMAZIONI

Monza e Brianza

giovedì 24 ottobre 2024

Monza, Sede AIS Monza Brianza Via Borgazzi 83 (ingresso da via Gorizia)

Costo Soci AIS 30 euro

Orario
dalle 20:45

ll Nizza DOCG si produce nel Monferrato e precisamente in un'area che racchiude 18 comuni.

È considerata un’eccellenza, posizionata all’interno di un areale più vasto, culla della produzione della barbera d’Asti che invece comprende 169 comuni di cui 118 in provincia di Asti e 51 in provincia di Alessandria.

Nel 2002 è nata l'Associazione Produttori del Nizza che ha il compito di valorizzare e promuovere la Barbera d'Asti Superiore “Nizza”, che nel frattempo, nel 2014, è diventata Nizza DOCG, tutelata a sua volta dal Consorzio Barbera d'Asti e vini del Monferrato.

In occasione del decennale della nascita della DOCG, la serata consentirà di scoprire la panoramica dei differenti terroir presenti all’interno della denominazione.

Per l'Associazione Produttori del Nizza sarà presente il presidente Stefano Chiarlo.

Vini in degustazione

  • Presto online

Conduce la serata

Francesco Ferrari, nato a Ivrea e cresciuto tra Piemonte e Toscana (bel derby!), è un dirigente d’azienda. Il suo lavoro lo ha portato in giro per il mondo, da Londra a Barcellona, da Il Cairo ad Abu Dhabi fino a rientrare (chissà se in modo definitivo) a Milano. Qui, per seguire una passione coltivata fin da ragazzo, intraprende il percorso che lo porta a diventare Sommelier, poi Degustatore e infine Relatore AIS. Ama visceralmente il Piemonte e i suoi vini: non ritenendo di essere ancora riuscito a capirli (nonostante i decenni di frequentazione) persiste cocciutamente negli assaggi e nel calpestarne i vigneti, giorno dopo giorno e anno dopo anno, in attesa di una folgorazione che spera non arrivi mai.

La prenotazione è impegnativa e vincolante. L’eventuale rinuncia non darà diritto ad alcun rimborso.
Al rinunciante è consentito far partecipare in sua sostituzione altro socio regolarmente iscritto ad AIS per l’anno in corso, previa comunicazione ad eventi@aismonza.it