Wine Lab 43

Wine Lab 43

Un format consigliato a chi frequenta il corso di terzo livello (ma non solo a loro) e deve ancora completare il percorso per diventare sommelier, per approfondire gli aspetti della degustazione in un momento di confronto amichevole ed informale, guidato da un esperto Degustatore della nostra Associazione.

ACQUISTA

POSTI ESAURITI

Per effettuare l'acquisto è necessaria la registrazione al sito AisLombardia.It
Se ancora non l'hai fatto puoi registrati cliccando qui oppure accedi al tuo account cliccando qui

INFORMAZIONI

Monza e Brianza

martedì 16 aprile 2024

Monza, Sede AIS Monza Brianza Via Borgazzi 83 (ingresso da via Gorizia)

Costo Soci AIS 25 euro

Orario
dalle 20:30

Per informazioni
E-mail: eventi@aismonza.it

Wine Lab è un momento di approfondimento, perfezionamento e confronto sulla degustazione.
È un luogo in cui affinare le proprie capacità di degustazione e per chiarire ogni dubbio sulla scheda di degustazione,  dedicato sia a chi deve ancora completare il percorso da sommelier, sia a chi vuole approfondire la tecnica della degustazione.

Ogni incontro è condotto da un esperto degustatore AIS che coinvolgerà e guiderà i partecipanti nella degustazione del vino, nella compilazione delle schede descrittive e a punteggio e nella correzione commentata.

Il tutto in un ambiente amichevole ed informale, con sole 14 persone riunite attorno ad un tavolo e con possibilità di interagire con il relatore e gli altri partecipanti per un proficuo scambio di opinioni sui vini che si stanno degustando.

Vini in degustazione

Degustazione di cinque vini alla cieca selezionati da AIS Monza

Conduce la serata 

Giuseppe Vallone, sommelier e degustatore AIS, è redattore di AIS Milano e collaboratore della rivista Viniplus di Lombardia. Collabora, inoltre, alla redazione delle Guide Vitae e Viniplus e cura le pagine social di AIS Lombardia e AIS Milano.
Una laurea in giurisprudenza nel cassetto, curioso per statuto, in lui convivono sgomitando tante passioni, i libri, la fotografia e l’immancabile montagna. Approccia il vino come occasione di svelamento dei rapporti umani e ne è attratto senza riserve, convinto che ogni vino abbia la sua ideale collocazione, ma non nega - e anzi rivendica - una profonda e a tratti irrazionale passione per il nebbiolo.