Bollicine. Questione di Metodo

Bollicine. Questione di Metodo

Questione di metodo...Metodo Classico! Una serata di approfondimento sulla rifermentazione in bottiglia, con diversi territori e interpreti – femminili – a confronto

ACQUISTA

Per effettuare l'acquisto è necessaria la registrazione al sito AisLombardia.It
Se ancora non l'hai fatto puoi registrati cliccando qui oppure accedi al tuo account cliccando qui

INFORMAZIONI

Pavia

Venerdì 15 Ottobre 2021

pavia, Polo Tecnologico, Via F.lli Cuzio, 42

Costo Soci 25€, non soci 35€

Orario
dalle 21:00

Per informazioni
Telefono: 3470145500
E-mail: eventi@aispavia.it

Le bollicine richiamano da sempre l’idea della festa. Ma non solo. Madame Bollinger diceva: «Lo Champagne lo bevo quando sono contenta, e quando sono triste. Talvolta lo bevo quando sono sola. Quando ho compagnia lo considero obbligatorio. Lo sorseggio quando non ho fame, e lo bevo quando ne ho. Altrimenti non lo tocco, a meno che non abbia sete».  

Per molto tempo in Italia abbiamo parlato di metodo champenoise (termine il cui utilizzo è stato vietato) per andare a indicare i vini spumanti prodotti secondo Metodo Classico. Lunga e dibattuta è la diatriba su chi sia effettivamente stato il primo a produrre un vino con rifermentazione in bottiglia nel nostro Paese, ma è a Carlo Gancia a Canelli nel 1865 che si attribuisce la paternità del Metodo Classico italiano, seguito nel giro di pochi anni da Giulio Ferrari a Trento.

Paese che visiti, bollicina che trovi! Anche se sempre di Metodo Classico si tratta, con rifermentazione in bottiglia e prolungato contatto con i lieviti, un calice di Franciacorta non sarà mai uguale a uno dell’Oltrepò Pavese, di Champagne o Trento DOC.

Il nostro Paese, inoltre, pur con una storia legata al Metodo Classico decisamente più recente, può vantare alcune importanti interpeti “al femminile”, determinanti per lo sviluppo di denominazioni e prodotti di eccellenza.

Ci aspetta dunque un viaggio tra regioni, distretti vitivinicoli diversi e figure di spicco, all’inseguimento di una bollicina che, tra confini regionali e valichi di montagna, ci consentirà di conoscere, apprezzare e valorizzare bottiglie ed interpreti di grande pregio e personalità. 

Vini in degustazione

- Trento DOC Rosé Brut - Altemasi
- VSQ Pinot Nero Metodo Classico Rosé Extra Brut Farfalla Noir Collection Rosé - Ballabio
- Franciacorta DOCG Berlucchi '61 Brut - Berlucchi
- Trento DOC Riserva Quore Brut 2013 - Letrari
- VSQPRQ Bussolera Extra Brut 2017 - Le Fracce
- vino a sorpresa!

Conduce la serata

Bruno Ferrari, emiliano di nascita, si trasferisce a Milano dove opera come manager in ambito Corporate & Investment Banking. Sommelier a maturazione medio tardiva, si affaccia al mondo del vino all'alba dei quasi 40 anni. Travolto da folgorante passione accelera la maturazione e, nel corso degli anni, consegue il diploma da sommelier, degustatore e diverse abilitazioni a relatore. Versatile e aperto (DNA emiliano) opera in diversi ambiti: è relatore presso Ais e scuole alberghiere; esperto di comunicazione sul vino mediante masterclass, approfondimenti tematici e conferenze stampa e, soprattutto, ricercatore instancabile – in un viaggio senza fine – di zone, vitigni e interpreti del meraviglioso mondo del vino.   

Costo

25 euro soci in regola con la quota associativa AIS Nazionale; 35 euro non soci.

PAGAMENTO TRAMITE PAYPAL

Per prenotare e acquistare l'evento è necessario essere registrati al sito www.aislombardia.it (nel menu in alto nella sezione "registrati"). 
Se sei già in possesso di un tuo account procedi all'acquisto dal box "ACQUISTA" in questa pagina.

Per informazioni 

eventi@aispavia.it

Miriam Prencisvalle. 347 0145500