Serata di degustazione con i vini della cantina Lisini

Racconti dalle delegazioni
08 novembre 2012

Serata di degustazione con i vini della cantina Lisini

Alla presenza di Carlo Lisini, un'intensa serata alla scoperta di Montalcino e di uno dei suoi pià autentici intepreti

Amelia Ais Mantova

Carlo LisiniMolto partecipata la serata al Ristorante Edelweiss dedicata alle eccellenze della storica cantina Lisini. Il proprietario, Carlo Lisini, enologo, ha descritto la passione e la cura che da anni la sua famiglia, (ricorda in particolare la zia Elina, donna storica nella produzione del Brunello) dedica alla coltivazione della vigna nello splendido territorio delle colline a sud est di Montalcino. L’azienda Lisini, sita a S. Angelo in Colle, è una delle più antiche nella produzione di Brunello di Montalcino ed insieme ad altre 24 aziende fondò nel 1967 il Consorzio del Brunello di Montalcino. Da allora l’azienda, che possiede  circa 200 ettari, di cui 20 coltivati a vigneto, alleva uva di Sangiovese .

Il signor Lisini si è soffermato a descrivere la tipicità del territorio, evidenziando la qualità del terroir che rende uniche le uve di Sangiovese prodotte in questo contesto. La posizione collinare (300-500 slm), fresca e soleggiata, le caratteristiche chimiche del terreno e la sua attenta lavorazione, sono condizioni ottimali per la produzione di Sangiovese. Ad esempio quest’anno il clima è stato poco piovoso, ma grazie ad una frequente lavorazione del terreno in vigna (anche 3 volte al mese) si è favorita una vendemmia perfetta, anche se ridotta nella quantità ma con una garanzia di qualità: ottima acidità e maturazione. La coltivazione della vigna a cordone speronato e a doppio arco favorisce, inoltre, una più agevole lavorazione del terreno.

Garantito anche il rispetto della tradizione nella coltivazione, nella vendemmia  e nella vinificazione. La cura dei vigneti, come già sottolineato, è garantita da un’attenta e costante lavorazione del terreno e dal ridotto utilizzo di prodotti chimici; la vendemmia viene eseguita a mano e prevede un’accurata selezione delle uve.

Lisini indica tre condizioni da rispettare per produrre vini d’eccellenza:

-       Uve di qualità (cura sapiente e costante dei vigneti)

-       Controllo della temperatura di fermentazione

-       Igiene

Vini LisiniI vini d’eccellenza prodotti da Lisini vanno dal Rosso di Montalcino al San Biagio, al Brunello di Montalcino, alla Riserva e all’Ugolaia.

L’affinamento dei vini avviene in botti di Rovere di Slavonia e in legno di castagno dalle grandi dimensioni. Il legno di castagno, tipica pianta del Monte Amiata, è un legno facile da lavorare e ha una forte carica di tannini.

 

RISERVA SAN BIAGIO 2010

Uvaggio: Sangiovese in purezza

Nonostante non sia un vino adatto all’invecchiamento, l’alta qualità dei polifenoli gli permette comunque di poter durare a lungo. L’affinamento avviene in acciaio e bottiglia 2 mesi. La vinificazione è termocontrollataa 22°- 23° C eseguita in vasche d’acciaio, comprensiva del periodo di macerazione  sulle bucce variabile tra i 14 e i 18 giorni. L’affinamento, in acciaio e bottiglia è di 2 mesi. Vino molto venduto in Germania, Corea e Giappone. Buono il rapporto qualità/prezzo.

 

ROSSO DI MONTALCINO 2010

Uvaggio: Sangiovese da selezione massale interna.

La  vinificazione è termocontrollata a 28° - 30° C, eseguita in vasche d’acciao comprensiva del periodo di macerazione sulle bucce variabile tra i 20 e i 26 giorni. L’invecchiamento è eseguito in botti di rovere di medio volume (20- 52 hl) per un periodo di 12 mesi. Ulteriore affinamento in bottiglia di 4 mesi.

 

BRUNELLO DI MONTALCINO DOCG

Uvaggio: Sangiovese da selezione massale interna.

Il Brunello si differenzia dal Rosso di Montalcino anche per l’invecchiamento. Il Disciplinare prevede 2 anni in barrique; l’Azienda Lisini non utilizza barrique ma botti di rovere  di medio volume (20- 52 hl), perciò il periodo d’invecchiamento arriva a 42 mesi con un ulteriore affinamento in bottiglia di 6- 8 mesi. Questo comporta che il vino rimanga fermo per anni e ciò contribuisce ad aumentarne il costo di produzione. La vinificazione, invece, è analoga a quella del Rosso di Montalcino.

BRUNELLO DI MONTALCINO DOCG RISERVA UGOLAIA

Viene commercializzato l’anno successivo al Brunello.  Vino che deriva da un’antichissima vigna coltivata su un terreno che in parte ha  origine vulcanica. Il vigneto Ugolaia si trova ad un’altezza di 320 slm, in posizione ventilata. La vinificazione segue lo stesso processo del Brunello di Montalcino. L’invecchiamento è eseguito in botti di rovere di piccolo volume (11- 20 hl) per un periodo di 48 mesi. Ulteriore affinamento in bottiglia 6-8 mesi.

Lisini sottolinea inoltre quanto sia sempre più difficile, viste le variazioni del clima negli ultimi anni, contenere la gradazione alcolica del Sangiovese.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessaria la registrazione.
Se ancora non l'hai fatto puoi registrati cliccando qui oppure accedi al tuo account cliccando qui

I commenti dei lettori